Produzione profili

L’impianto, già in funzione, effettua le seguenti fasi di lavorazione:

  1. Masterizzazione del densificato proveniente dal plasmix
  2. Estrusione del materiale;
  3. Iniezione del materiale negli stampi
  4. Raffreddamento dello stampo
  5. Uscita dei manufatti

Partendo dal densificato proveniente dalla fase di plasticizzazione e macinazione del plasmix, attraverso un sistema di carico automatico, viene alimentato l’estrusore.

Il colorante viene aggiunto per miscelazione prima dell’ingresso del materiale stesso all’estrusore.

All’interno dell’estrusore il materiale subisce un primo riscaldamento a una temperatura non superiore ai 200°C e una forte compressione per consentire un addensamento dello stesso e quindi il suo ingresso nella camera dove è presente una monovite , la quale fa avanzare il materiale che per effetto dell’attrito e per l’azione di resistenze elettriche si mantiene caldo divenendo così una massa fluida.

Tale massa viene spinta all’interno di stampi aventi varie figure di profilati.

Gli stampi sono alloggiati su un sistema rotante tale che mentre si carica un profilo, viene scaricato quello quello raffreddato.

Il raffreddamento viene realizzato facendo passare lo stampo in un contenitore di acqua mantenuta a bassa temperatura tramite relativo chiller di raffreddamento.

Il tutto funziona come il tamburo di una pistola: per tale motivo questo sistema è detto caricamento e scarico “a revolver ”.

Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.